Cos’è il Lino? Storia, notizie, curiosità

Dalle origini ai giorni nostri

Noto fin dai tempi più antichi, il lino è la fibra tessile più antica del mondo: il suo uso infatti risale fino a 8000 anni avanti Cristo. Ritrovato anche nelle tombe egizie, il lino era il manufatto tessile più comune 6000 anni prima di Cristo. I Fenici, celebri mercanti ed illustri navigatori, acquistavano infatti il lino in Egitto per esportarlo in Irlanda, in Inghilterra e in Bretagna: grazie a questo itinerario, la fibra è approdata nel continente europeo.

Dal suo sbarco all’età d’oro della produzione tradizionale

Dalla sua introduzione in Europa, il lino conosce uno sviluppo incredibile. Durante il periodo romano, la coltura e la lavorazione di questa fibra si sviluppano in tutto l’Impero ed i Romani sono infatti i primi ad utilizzarlo oltre che per l’abbigliamento anche per la casa. Nel Medio Evo, il lino raggiunge il culmine della sua espansione sul continente, in particolare nel centro e nord dell’Europa.
Con il Rinascimento, il gusto per uno stile di vita raffinato rafforza la presenza del lino nella vita quotidiana e la “thieuliette” viene infatti usata per produrre lenzuola e camicie. Da questo termine in francese arcaico trae successivamente origine la parola “toilette”. Nel corso delle guerre di religione, migliaia di artigiani tessitori fiamminghi sono forzati all’esilio in Inghilterra ed in Irlanda e preparano quindi il debutto per l’età d’oro del lino in queste due isole mentre Russia e Polonia fanno la loro prima comparsa sul mercato.

Continue reading

Exclusive Brands Torino

L’OPIFICIO MEMBER OF EXCLUSIVE BRANDS TORINO

EXCLUSIVE BRANDS TORINO è una rete di imprese costituita da quindici eccellenze del territorio piemontese, quindici realtà molto diverse per settore e storia con un denominatore comune: l’imprescindibile valore del Made in Italy.

Si tratta di una selezione di brands, di cui l’Opificio fa parte con orgoglio, promossa dall’Unione Industriale di Torino e volta alla promozione della manifattura italiana nel mondo e dell’unicità dell’Italian Lifestyle.

Click on the image and see the VIDEO

MILAN DESIGN WEEK 2013

A Milano il Salone Internazionale del Mobile: l’appuntamento attesissimo dal pubblico di addetti ai lavori, e non solo, che giunto alla sua 52a edizione porta in Italia tutto il meglio e tutte le innovazioni del forniture design.

Più di 2000 espositori per il polo fieristico di Rho e un’infinità di showroom, eventi e party negli angoli cool della città che più di ogni altra rappresenta il gusto e la qualità del progettare italiano.

 

A spasso per il Fuorisalone…


ARTE E TESSUTO: CHRISTO E JEANNE-CLAUDE

Surreali teli arancioni che fluttuano fra i rami di Central Park, il Reichstag di Berlino completamente avvolto, impacchettato in un tessuto dalle tonalità fumose, le coste delle piccole isole sulla baia di Biscayn, in Florida, invase da una marea di stoffa rosa: i progetti di Christo e Jeanne-Claude tolgono il fiato, sfidano l’imponenza delle architetture e della natura con la forza della poesia dell’arte ambientale. La coppia di artisti che più di ogni altro ha influenzato l’estetica contemporanea per tecnica progettuale e installativa, ha toccato nel corso della sua lunga carriera ogni angolo del globo stravolgendolo per breve tempo (tutte le opere hanno vita brevissima) ma con profonda consapevolezza. Il tessuto, come ovvio al centro della loro ricerca, è stato lo strumento attraverso cui pensare e realizzare le complesse installazioni, tessuto scelto fra quelli utilizzati in ambito nautico e dunque tanto impalpabile quanto resistente agli agenti atmosferici.

Oggi, dopo la scomparsa di Jeanne-Claude nel 2009, il lavoro di Christo torna a stupire toccando questa volta il Medio Oriente. Da un progetto concepito nel ’77 nasce un’opera che sfida per imponenza la piramide di Giza con i suoi 150 metri di altezza (e un costo stimato di 340 milioni di dollari). Sarà infatti inaugurata a breve, fra le dune di Abu Dhabi, un’enorme architettura site-specific costituita da 400mila barili di petrolio con un effetto mosaico che una lettura in lontananza percepisce simile alla trama di un tessuto.