l’Opificio + Rugine = AMODO

Disegni esclusivi, sensazioni tattili insolite, filati preziosi creati con passione e quello stile unico che coniuga attenzione alle tendenze e alta qualità: questo il mondo l’Opificio, che in occasione di Maison&Objet 2014 e in collaborazione con RUGINE, propone una innovativa lettura del tessuto.

Con il progetto AMODO il tessuto diventa oggetto tridimensionale e vero e proprio elemento architettonico. Un originale rivestimento da parete risultato di una partnership 100% Made in Italy.

AMODO_blog

ARTE E TESSUTO: PHILLYDA BARLOW

Esplorare la densità degli spazi e della materia, creare forme esuberanti e stabilire nuove definizioni dello scolpire: queste la forza del lavoro di Phillyda Barlow, l’artista inglese classe 1944 presente fino al 2 novembre al centro d’arte contemporanea Hauser & Wirth di Bruton, Somerset (UK).

Phillyda_blog

In mostra opere di dimensioni monumentali realizzate con materiali poveri come cartone, legno, compensato, tessuto, tela e cemento che attraverso esperimenti su larga scala, collage, stratificazioni e getti di colore creano forme astratte dall’apparenza fragile. Sculture d’impatto dalla presenza fortemente scenografica che indagano la relazione fra la materia e lo spazio che la circonda.

Percorrere lo spazio espositivo inglese sembra davvero divertente, ad accogliere lo spettatore enormi pompon di tessuto dai colori sgargianti sospesi a mezz’aria, si prosegue poi con enormi installazioni multicolore che sembrano uscite da un fantasioso paese delle meraviglie.

La Barlow racconta la realtà come solo un artista visionario sa fare.

ZUU ON STAGE

Una seducente trama animalier, preziose finiture e linee di forte personalità che evocano atmosfere d’altri tempi: i tessuti l’Opificio vestono la poltroncina Level firmata Vibieffe. In occasione del Salone del Mobile 2014 la storica azienda di imbottiti ha scelto la collezione ZUU per rendere ancora più ricercata la sua seduta.

001 002

Alla Reggia di Venaria una mostra che racconta l’eccellenza dell’alta sartoria italiana

 

venaria

Dopo il debutto a San Pietroburgo, nella cornice del prestigioso Palazzo Sheremetev sede del Museo di Stato di Teatro e Musica, è la Reggia di Venaria la seconda tappa della mostra dedicata ai protagonisti della moda italiana e alla grande tradizione teatrale. L’esposizione, a cura dello storico dell’arte e del costume Massimiliano Capella, racconta infatti trent’anni di amicizie, storie di vita e collaborazioni tra i più importanti couturier e i più noti interpreti della scena teatrale internazionale. Attraverso più di 200 tra abiti di scena, bozzetti e video, quella alla Reggia sembra essere un’opportunità unica per vedere da vicino l’eleganza e l’eccellenza tecnica di capi dalla bellezza senza tempo.

In mostra sono presenti capolavori di Armani, Balestra, Biagiotti, Fendi, Missoni ed opere di collezioni private di Roger Salas, Raina Kabaivanska, Valentino Garavani, Fondazione Roberto Capucci, Maurizio Galante Archivio, Missoni Archive, concepiti per grandi artisti come Mirella Freni, Raina Kabaivanska, Joaquin Cortes, Kiri Te Kanawa, June Anderson.

Alta Moda, Grande Teatro
dal 29 marzo al 14 settembre 2014
Reggia di Venaria

IL CULTO DEL BUON GUSTO IN TUTTE LE SUE FORME

When Italian Luxury Leather Goods meet Italian Luxury Textiles and share the same philosophy.

Maison Siccardi, come l’Opificio, impiega materie prime prodotte solo ed esclusivamente in Italia, lavorate dalle mani esperte di artigiani italiani di grande professionalità e antica esperienza, regolarmente registrati e tutelati nel loro lavoro, nel massimo rispetto dalle leggi italiane.

borsaokk

The Design Week is coming! Gli appuntamenti milanesi da non perdere…

Inaugura domani la 53a edizione del Salone Internazionale del mobile che con le biennali EuroCucina, il Salone Internazionale del Bagno e il SaloneSatellite, porterà nel complesso fieristico di Rho oltre 2.400 espositori e una serie infinita di mostre ed eventi che a partire dai padiglioni di Fuksas coinvolgono poi tutto il resto della città.

Dall’8 al 13 aprile Milano sarà infatti il cuore pulsante del design internazionale, confermandosi ancora una volta capitale mondiale dell’arredo con una manifestazione in grado di attirare oltre 300.000 visitatori provenienti da 160 Paesi.   Da non perdere, oltre alla proposta commerciale del Salone, l’evento collaterale a cura di Francesca Molteni e Davide Pizzigoni dal titolo “Dove vivono gli architetti”, in cui 8 importanti nomi dell’architettura (Shigeru Ban, Mario Bellini, David Chipperfield, Massimiliano e Doriana Fuksas, Zaha Hadid, Marcio Kogan, Daniel Libeskind e Bijoy Jain/Studio Mumbai) mostreranno per la prima volta le lore “abitazioni private”. Tante altre le occasioni per le quali vale la pena farsi un giro al Milano: la mostra sulla produzione di design del gruppo Memphis negli anni 80, presso Refettorio delle Stelline; i “Tessuti in 3D” di Ronan & Erwan Bouroullec presentati presso show-room Kvadrat, “La casa morbida, tra arte e design”, mostra su design e arti visive di Foscarini e Inventario, presso Museo Poldi Pezzoli; ma ovviamente anche il Fuorisalone di zona Tortona e nei quartieri Ventura e Lambrate.

Courtesy-of-Cosmit_ok

La casa Morbida. Tra Arte e Design: fino al 5 maggio al Museo Poldi Pezzoli a Milano

Mancano pochi giorni all’inaugurazione della Design Week più famosa d’europa e Milano è già in fermento, con musei e gallerie che offrono un calendario di eventi ovviamente design oriented. Tra le mostre da non perdere, oltre che per la qualità della curatela (affidata a Beppe Finessi) per il fascino del luogo in cui è ospitata, quella inaugurata nella casa museo di via Manzoni, nelle splendide sale del Museo Poldi Pezzoli. Si tratta della mostra “La casa morbida”, una bella occasione per apprezzare il legame fra l’antica tradizione tessile e la sua identità e la sua applicazione odierna. In mostra prodotti importanti del design industriale moderno e contemporaneo progettati da maestri come Vico Magistretti, Alessandro Mendini, Bruno Munari, Gaetano Pesce e Ettore Sottsass, ma anche dai nuovi protagonisti della scena internazionale come Ronan ed Erwan Bourollec, Scholten & Baijings, Matali Crasset, Martí Guixé e Luca Nichetto: oggetti di design in cui la componente tessile è assolutamente protagonista.La Casa Morbida. Tra Arte e Design.

La Casa Morbida. Tra Arte e Design.
dal 26 marzo al 5 maggio 2014
Museo Poldi Pezzoli, Milano

Dries Van Noten: Inspirations

Musica, arte, cinema, storia del costume e soprattutto l’immaginario fantastico di uno dei protagonisti del mondo della moda sono di scena a Parigi dove il Muséé des Art décoratifs rede omaggio a Dries Van Noten.

Un percorso espositivo che abbraccia tutto il suo universo artistico e che ci rivela l’unicità del suo processo creativo attraverso la varietà e l’eclettismo delle sue fonti di ispirazione. Il focus della mostra non si esaurisce infatti con il racconto dell’evoluzione stilistica dell’artista belga, è tutt’altro che la semplice celebrazione di una carriera, è al contrario la raccolta di tutto quell’universo di segni, forme e colori sedimentato negli anni nella sua mente, i suo riferimenti culturali ed estetici.
Il percorso espositivo, aperto al pubblico fino a fine agosto, è l’occasione per vedere, mixate alla perfezione con le creazioni di Van Noten, opere del Bronzino, di Kees Van Dongen, Yves Klein, Victor Vasarely, Francis Bacon, Elizabeth Peyton e di Damien Hirst.

Dries Van Noten – Inspirations
1 marzo – 31 agosto 2014
Muséé des Art décoratifs – Parigi