Moda & Fashion

l’Opificio Interior Fragrance: un profumo unico

l’Opificio e Tonatto Profumi, due eccellenze torinesi insieme per un profumo esclusivo

Metafora di eccellenza e libertà, poche cose come un buon profumo sono capaci di parlare direttamente ai sensi e sedurre le anime. Perché il profumo è questo: un linguaggio subliminale che bypassa regole e razionalità per puntare direttamente alla memoria emotiva, evocando ricordi, sogni ed emozioni che risiedono nel profondo di ognuno di noi, che ci appartengono in maniera esclusiva e si fondono con la nostra matrice più intima. E proprio perché l’esperienza del bello non ha confini e spazia, ora più che mai, tra codici diversi, l’Opificio ha creato l’Opificio Interior Fragance, profumo creato in esclusiva con Tonatto Profumi, nota maison torinese, conosciuta per aver realizzato essenze per numerosi personaggi del jet set internazionale, quali la Regina Elisabetta d’Inghilterra o Carolina di Monaco.

Famosa per aver riportato in vita perdute fragranze, come l’Acqua Siriana del I sec. d.C. o il profumo di Cleopatra, ricostruito grazie allo studio di antichi papiri, Tonatto Profumi ha sempre coniugato modernità e tradizione nelle sue gallerie olfattive di Roma e Torino, dove ha concepito esperienze in grado di valicare i confini tra le singole arti.

La scelta di affidarsi a un laboratorio stimato, che riserva alle fragranze la stessa cura che l’Opificio dedica ai suoi tessuti, ha permesso di realizzare un’essenza in grado di restituire olfattivamente le meravigliose sensazioni di un tessuto perfetto, l’accattivante magia che si sprigiona dalla carezza di un velluto, dal calore di un ricordo, dall’unicità di un momento speciale.

Nato dalla collaborazione di Paola e Barbara Bertoldo con Diletta Tonatto, a partire esclusivamente da pregiate essenze naturali, l’Opificio Interior Fragrance è un profumo versatile, che si può spruzzare direttamente sui tessuti, di cui rispetta la preziosità, ma può anche essere indossato ogni giorno a contatto con la pelle.

Proposto nei due formati Room Fragrance e Ambience and Linen fragrance, rispettivamente da 200 e 250 ml, ha un aroma persistente, caldo e rassicurante, in grado di “parlare” delle tendenze contemporanee con un linguaggio al di fuori del tempo.

mariko kusumoto sculpure

La preziosa arte tessile di Mariko Kusumoto

Aveva iniziato lavorando i metalli Mariko Kusumoto, estrosa giapponese classe 1962 che da alcuni anni vive in Massachusetts. Creava paesaggi minuti quanto complessi, utilizzando il calore per piegare rame e bronzo alla sua fantasia. Poi la voglia di sperimentare qualcosa di completamente diverso, anzi, di opposto.

Per quanto i metalli necessitavano di forza e davano risultati dai contorni netti ed inconfondibili, i tessuti rappresentavano, infatti, un’alternativa innovativa, leggera, quasi evanescente. Una nuova sfida, insomma.

Rifacendosi all’antica tradizione dei Kanzashi con cui le donne del Sol Levante realizzano meravigliose acconciature per i capelli, la Kusumoto ha iniziato a lavorare sete ed acrilici, trasformandoli in gioielli luminosi, trasparenti contenitori di piccole meraviglie, caleidoscopici paesaggi di meduse ed anemoni marini.

Vere e proprie sculture da indossare per impreziosire abiti e accessori o istallazioni elaborate che sembrano rubate alle profondità oceaniche. Opere di fronte alle quali non si riesce a trattenere un senso di fanciullesca meraviglia, quasi l’artista abbia dato forma ai nostri sogni più nascosti e ci abbia trascinato in un mondo dove tutto è possibile, leggero.

L’arte di Mariko Kusumoto affascina e stupisce perché è emozione pura, è quel battito d’ali che rappresenta il processo creativo, esaltato dalla leggerezza dei materiali utilizzati: sete e fili ma soprattutto poliestere che, robusto e delicato al tempo stesso, si presta in particolar modo a essere modellato.

Affascinata dalla natura e dalla cultura giapponese, l’artista afferma di trarre ispirazione da tutto ciò che la colpisce, e lo rielabora dandogli nuova, evanescente vita, che si tratti dei paesaggi sottomarini o delle pellicole horror contemporanee.

Collocati in numerose collezioni pubbliche e private, i suoi lavori si sono aggiudicati diversi premi, tra i quali il Niche Awards, il Grant, Massachusetts Cultural Council e il Juror’s Awards, Craft Forms 2015.

Attualmente sono ospitati dalla Mobilia Gallery di Cambridge.

Game of Thrones: Sansa indossa il tessuto Treccia creato da l’Opificio

Siamo felici ed onorati che il magnifico abito nuziale di Sansa, uno dei personaggi principali della fortunata e discussa serie televisiva Game of Thrones, sia stato realizzato con il tessuto Treccia della collezione Vocalese di l’Opificio.
Un tessuto che ha richiesto un anno di studio e prove per la sua creazione. Uno speciale lampasso a due trame che proprio per la sua particolarità rende unico l’effetto finale sia allo sguardo che al tatto.
Nell’episodio finale della 5 stagione (Mother’s Merci) la bella Sansa è costretta a sposare il crudele Ramsay Bolton. Per questa occasione Michele Clapton, la costume designer artefice di tutta la moda di Westeros e Essos, che lavora coadiuvata da Michele Carragher, autrice degli stupendi ricami, ha scelto il tessuto Treccia per rendere l’avvicinarsi dell’Inverno e sottolineare il ruolo sociale che Sansa occupa.

Collezione Vocalese Treccia

ll Trono di Spade (Game of Thrones) è una serie televisiva statunitense di genere fantasy medievale nata come adattamento televisivo del ciclo di romanzi Cronache del ghiaccio e del fuoco (A Song of Ice and Fire) di George R. R. Martin.
La serie è ambientata in un grande mondo immaginario costituito dal continente Occidentale (Westeros) e da quello Orientale (Essos). Il centro più grande e civilizzato del continente Occidentale è la città capitale Approdo del Re, dove si trova il Trono di Spade dei Sette Regni. La lotta per la conquista del trono porta le più potenti e nobili famiglie del continente a scontrarsi o allearsi tra loro in un contorto gioco di potere.
La serie ha conquistato milioni e milioni di fan in tutto il mondo grazie alla forza del racconto, a personaggi epici e all’alternanza di elementi molto umani con altri magici, crudi e oscuri.
La serie ha inoltre ottenuto vasti consensi da parte della critica, in particolare per la recitazione, i personaggi complessi, la trama, la portata e la qualità della produzione, sebbene l'uso frequente di nudo e di violenza fisica e sessuale abbiano attirato anche numerose critiche.
La serie ha vinto 26 Primetime Emmy Awards, diventando una delle serie televisive drammatiche tra le più premiate dall'Academy of Television Arts & Sciences.

Collezione Vocalese Treccia
Collezione tessile LOVELY

I tessuti l’Opificio raccontano: Lovely, novità 2015

UNA DELLE NUOVE COLLEZIONI MADE IN L'OPIFICIO

Ogni metro di Tessuto l’Opificio racconta la sapienza del saper fare Made in Italy fatto di cultura, eleganza, conoscenza tecnica, design e savoir-faire italiano.

Ogni nuova collezione è il frutto di un lungo lavoro che svolgiamo sempre con grande amore per arrivare ogni volta a Tessuti e Velluti che non solo sposino il percorso di design, ma che, prima di tutto, sentiamo nostri e siamo felici di offrire al nostro pubblico.

La nuova Collezione Lovely, presentata in anteprima a Maison&Objet Paris e a Homi Milano, ad esempio, abbina due decori, Fioca e Puzzle, che giocano con macrofilati e tonalità fuse. Tessuti che abbiamo pensato contemporanei nel design e nei colori, ma anche accoglienti e piacevoli.

E’ un piacere farvi scoprire parte del lavoro svolto e farvi vedere in diretta la produzione del tessuto Lovely. Produzione che i nostri tecnici italiani ogni giorno, da anni, svolgono con Maestria e Passione.

Così, ogni volta che vedrete direttamente o su una rivista di arredamento italiana o straniera, sul Nostro Sito, sulla nostra pagina Facebook o Instagram, un’immagine che ritrae un tessuto l’Opificio o un cuscino o un trapuntino, potrete vedere oltre pensando a quanto tempo e quanta passione contengono.

Passione nella creazione dei disegni, dei colori e scelta dei filati, sempre di altissima qualità perché non usiamo Formaldeide in produzione.

Tempo, sempre lungo, che intercorre dall’idea iniziale fino al tessuto definitivo, ricco di ripensamenti e miglioramenti, ma anche di innumerevoli prove di tessitura.

A questo punto non vi resta che far partire il filmato per scoprire la nuova collezione Lovely. Buona visione!

Barbara Bertoldo

ENJOY YOUR VELVET!

Realizza il tuo divano e i tuoi tendaggi in velluto l’Opificio: diventeranno sempre più belli nel tempo.

Vivili giorno dopo giorno, le fibre naturali di pregio con cui sono tessuti, respirando, acquisteranno una patina speciale e solo tua.
La loro lunga durata ne farà i vostri inseparabili e irrinunciabili compagni di vita.
Potete vivere in serenità con la famiglia il vostro velluto l’Opificio: è sano e completamente privo di Formaldeide.
Prova la real velvet experience e il suo inconfondibile sound.

 

Tendenze moda – Milan Fashion Week 20-26 febbraio 2013

Al via la settimana della moda milanese che dopo Parigi, New York e Londra detta le tendenze delle stagioni che ci attendono. Lavorazioni complesse, dettagli e geometrie di ispirazione architettonica, fantasie e ricami sovrapposti. Stampe, righe, fiori stilizzati e applicazioni tridimensionali evidenziano una forte attenzione al tessuto da sempre fiore all’occhiello del Made in Italy.

New York e Londra in attesa della Milano Fashion week 2012

 

Le collezioni autunno inverno 2012–2013 protagoniste
 nelle principali capitali della moda:
dopo la New York fashion week che sta per
 concludersi, parte il 17 febbrario
nella location della Somerset House,
mentre dal 22 al 28 febbraio 2012
si riaccendono i riflettori sulle passerelle di Milano.
 
oltre 70 sfilate presenteranno tutti i nomi più importanti del fashion da Gucci a Fendi, da Prada a Dolce&Gabbana, da Giorgio Armani a Ferragamo, ma anche eventi mondani, party e aperitivi che animeranno l’intera città.
 

 

Jimmy Choo xv

Il 26 ottobre 2011 nella boutique Jimmy Choo verrà presentato  “Jimmy Choo XV”, un libro con cui vengono celebrati i primi 15 anni di uno dei marchi di scarpe più famosi al mondo. La giornalista di moda Colin McDowell racconta l’evoluzione e la storia del marchio attraverso i quindici modelli più rappresentativi, presentando anche un inedito “dietro le quinte” della produzione vera e propria. Non mancheranno scatti di fotografi illustri che hanno immortalato le celebrità con indosso i modelli Jimmy Choo. L’uscita del libro per il grande pubblico è prevista a febbraio 2012.