Open House copertina l'Opificio

Open House Torino 2017

Condividi l'articolo
Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedInEmail this to someone

Grandissima adesione per il primo Open House Torino

Si è appena conclusa la prima edizione torinese dell’Open House. Il format nato a Londra venticinque anni fa da un’idea di Victoria Thornton permette di visitare gratuitamente gioielli architettonici solitamente preclusi al grande pubblico.

Dopo Roma e Milano, anche Torino ha infatti deciso di aderire a quest’iniziativa. Open House coinvolge oltre trenta città in tutto il mondo. Migliaia i visitatori che hanno sfidato il caldo di giugno per scoprire villini Liberty e dimore storiche, spazi verdi ed ex aree industriali convertite a nuova vita. I numeri parlano da soli: 111 i siti visitabili, di cui il 40% residenziale, 37.000 le visite, il tutto reso possibile grazie alla partecipazione di 300 volontari.

Torino ha proposto un’offerta culturale talmente ampia e stimolante che è stato possibile organizzare dei veri e propri canali tematici. Torino vista dall’alto o la scoperta del verde attraverso parchi e giardini nati dove prima c’erano realtà industriali, fino alla sorprendente bioarchitettura di Verde 25, sorta di “bosco abitabile” dove 63 famiglie convivono con quasi 200 alberi e numerosissime specie di piante.

Tra i percorsi più interessanti i luoghi religiosi, tra i quali la Sinagoga e la chiesa di Santa Pelagia, legata al convento di clausura delle Agostiniane, Le residenze d’epoca e gli spazi industriali riconvertiti. Forse proprio quest’ultimo percorso è stato quello che ha riscosso più successo. Poche città hanno saputo, infatti, reagire alla crisi degli ultimi decenni come Torino, riconvertendo i propri apparati produttivi a nuove destinazioni. Esemplari, ad esempio, sono i casi dell’ex Tobler, lo storico stabilimento in cui veniva prodotto il mitico Toblerone, che è stato trasformato in condomini per uso abitativo o del Lanificio di Torino che, dopo oltre settant’anni di attività, è stato ristrutturato per accogliere circa 120 imprese tra artigiani e impresari. Notevole anche la metamorfosi di Casa Ozanam dove una residenza per studenti ed operai è nata nei luoghi dell’omonima fonderia riconvertita, al termine del processo industriale, in un spazio multimediale con tanto di coworking e OrtoAlto, un giardino condiviso inaugurato a metà maggio.

Il primo Open House torinese è stato quindi un successo destinato a ripetersi. Il prossimo appuntamento è già stato fissato per il weekend del 9 e 10 giugno del 2018. Obiettivi centrati: aprire a migliaia di persone edifici solitamente chiusi ma, anche e soprattutto, chiarire quali sono i nuovi percorsi intrapresi dalla città sabauda. Dimostrando invidiabili capacità di adattamento e l’eleganza che le è consona, negli anni della crisi Torino ha saputo infatti accettare e rielaborare la chiusura delle sue aziende storiche, molte delle quali erano state portavoce dello stile italiani nel mondo, immaginando e promuovendo un futuro diverso, lo stesso che adesso esibisce orgogliosamente, incarnando lo spirito di un’epoca in evoluzione.

Perché Torino non è solo la Mole o il Museo egizio ma è una città fiera e bellissima, fatta di piccole sorprendenti realtà che si incasellano una nell’altra, formando un percorso temporale complesso e piacevolmente proteso verso il futuro.

Scopri di più su Open House Torino e Open House Worldwide

Photo credits (25 Verde) Michele D'Ottavio, (Casa Hollywood) Luca Ballarini