NaN€

NaN€

Vintage, re-commerce, seconda mano: aspetti green del momento

Un modo per assicurare a pezzi di famiglia, vecchie collezioni, una seconda vita alternativa e sostenibile.

Rinnovare, riutilizzare, riusare, oggi più che mai è un impegno di rispetto verso il nostro Pianeta, le risorse che quotidianamente utilizziamo, le generazioni future. Ma è anche l’opportunità di continuare a raccontare e testimoniare una storia.

Oggetti preloved. Già amati, un nuovo modo poetico per indicare arredi di seconda mano, che ci permette di riusare manufatti ai quali si è legati affettivamente e che magari hanno segnato un’epoca.

Ci consente di reinterpretare con i nostri tessuti jacquard e velluti, divani, poltrone, sedute, sofà che così diventano oggetti dalla personalità contemporanea, ma saldamente legati alla loro origine.

Un approccio corretto alle cose, da scegliere con attenzione e conservare bene, e anche il passaggio da un proprietario all’altro diventa un gesto d’amore verso l’oggetto e verso il Pianeta.
Ma lo sapevate che il termine vintage, tecnicamente si riferisce ai vini d’annata pregiati? Mentre oggi lo usiamo spesso anche per indicare capi di abbigliamento o oggetti che abbiano almeno venti anni. Con queste due definizioni, però non esprimiamo appieno il concetto di vintage che racchiude in sé tutto un mondo che è fatto di cultura, di racconto di un’epoca e di custodia della memoria.

Vintage è un modo di essere, rappresenta uno stile, sia nel campo della moda che degli interni, rimanda ad elementi che negli anni sono diventati simboli di un’epoca o di uno stile. Non solo, vintage è anche la sapienza artigianale, il saper fare che è andato perduto con l’arrivo del prodotto di massa, quella unicità dell’oggetto che lo rende speciale, unico, irripetibile.
 
Ma è anche la nostalgia, che riscalda un ambiente contemporaneo raccontandoci la storia di quell’oggetto. È valore, quello del tempo passato che rende ogni cosa più preziosa. È sapienza perché non è né scontato né semplice arredare con oggetti vintage, infatti bisogna sfuggire il rischio di non vivere il nostro tempo, il bello di inserire un elemento vintage è proprio quello di creare un contrasto.
 
Il segreto è quello di non sottrarre ma di aggiungere valore al nostro ambiente, rendendolo sempre più personale. Questo è anche il segreto delle nostre collezioni che sono pensate in maniera interattiva per giocare assieme ed aggiungere personalità, resistendo al tempo che passa, proprio come un oggetto vintage.
 
 

Articoli

divisore

Sostenibilità


l’Opificio Limited Edition cushions collection presentata a Monaco


Sostenibilità